Tag

, , , , , ,

L’etichetta di ogni bottiglia riporta una serie di indicazioni che all’occhio inesperto possono passare inosservate, ma soprattutto non comprese. Vediamo quindi di stilare una lista delle informazioni più importanti, nel mondo dei Whisky, per capire che genere di prodotto stiamo per assaggiare o acquistare.

wasmunds single maltAbbiamo già parlato in precedenza dei Single Malt e li abbiamo definiti come quei prodotti preparati in un’unica distilleria e con unica qualità di malto, in seguito alla creazione di una miscela questa viene fatta invecchiare in botti usate in precedenza per Bourbon, Sherry o Porto. Blended sono una miscela di vari single malt e grain whisky provenienti da diverse distillerie,Non sono prodotti di qualità inferiore, ma solamente prodotti più adatti alle esigenze del mercato mondiale. I master blender compongono una miscela che in seguito sarà sottoposta ad invecchiamento, che può variare da pochi mesi a decenni. La dicitura Grain o Grain Whisky significa che oltre al malto d’orzo, sono stati usati nella lavorazione anche altri tipi di cereali. Pure Malt:  è una denominazione ch

e non viene più usata dal 2009 e indica un whisky di solo malto proveniente da diverse distillerie. Quando vediamo la dicitura YO (Years Old) possiamo pensare che sia etichetta ballantinesl’invecchiamento del prodotto, in realtà dobbiamo considerare che se si tratta di un Blended, questo è composto da diverse miscele unite e quindi possono avere anche dei tempi di invecchiamento diverso. Ciò significa che l’età riportata è quella del prodotto più giovane contenuto nella bottiglia appunto. Single Barrel o Single Cask sta a significare che la bottiglia deriva dall’estrazione di un unico barile, a differenze di quelle che possono provenire dalla miscelazione di whisky di diverse annate e botti. Non chill filtered significa invece che non ha subito il passaggio di raffreddamento per abbassare la gradazione del prodotto sotto i 43% vol. Finisching e Wood Type indicano come sono state invecchiate, questa dicitura è solitamente preceduta appunto dalla botte che è stata cask strenghtusata (Bourbon, Sherry, Porto…). Cask Strenght è un’altra importante dicitura che ci permette di capire che il distillato è stato imbottigliato alla stessa gradazione della botte, quindi non ha subito alcun trattamento in seguito all’invecchiamento o al trasferimento dalla botta alla bottiglia. Nel whisky americano la dicitura invece è Full Proof.

Infine abbiamo le indicazioni sulla provenienza: HIghlands, Lowlands, Islay, Speyside, Bourbon. Qui sotto vi lascio un piccolo slideshow in cui apprezzare diverse etichette con le varie diciture.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci