Tag

, , , , , ,

aviation cocktailTra i cocktail classici non può non essere menzionato l’Aviation. Questo cocktail ha una doppia storia, nessuna delle quali ufficiale, ma è sempre interessante raccontarle e conoscerle entrambi e decidere quale delle due ci sembra più veritiera. La certezza è che sia stato inventato durante la Prima Guerra Mondiale, la teoria invece è che sia stato un barman di circolo di ufficiali dell’aviazione che lo miscelò in onore dei piloti inglesi che dopo scontri aerei tornavano a terra a rilassarsi. La seconda teoria è più che altro una sorta di accostamento del drink alla persona che per prima ne ha trascritto la ricetta, un certo Hugo Ensslin nel 1916 in un suo libro, scritto poco prima del Proibizionismo, intitolato “Recipes for mixed drink”. Lo scrittore era egli stesso un barman tedesco e prepara questo cocktail dedicandolo ai pionieri dell’aviazione, molti infatti sono gli aviatori che resteranno famosi in quel periodo come ad esempio il Barone Rosso, Manfred Von Richthofen, l’americano Hughes e anche un italiano, Francesco Baracca. Nella ricetta originale si miscelano il Gin, il succo di limone, il maraschino ed è presente anche un ingrediente che a mio parere rende perfetto il drink: la Creme de Violette. La presenta dellaAviation cocktail crema di violetta fa aumentare le percentuali che il barman di origine tedesca ne sia il vero creatore, in quanto risulta un po’ difficile che in una postazione di campo potessero esserci particolari liquori. Con il passare degli anni e soprattutto con l’avvento del Proibizionismo, la crema di violetta diventò di sempre più difficile reperibilità e quindi per molti decenni la ricetta dell’Aviation subì una variazione. Nel 200, grazie al floreale Rothman, la Crème de Violette è riapparsa sul mercato statunitense, dando nuovamente la possibilità di riproporre il classico Aviation secondo la ricetta originale.
La ricetta ufficiale dell’Aviation: London Dry gin, succo di limone, liquore al maraschino, crème de violette.

Annunci